Voglio una vita collegata

30Mar10

L’intenzione era quella di concedermi una giornata “analogica” alla volta di Milano per Meet the Media Guru.
L’ultimo vezzo digitale sarebbe stato un tweet che avrebbe svelato il programma.

In borsa Wired, Klat, un libro e il moleskine (e la Nikon chiaramente); il treno scelto, quello più lento, per avere più tempo possibile per leggere e scrivere e per dare meno soldi possibili a Trenitalia.
A Milano, poi, pranzo con un vecchio amico, due chiacchiere con un secondo appena tornato da un viaggio solitario attraverso gli States e poi alla volta dell’incontro con Lawrence Liang.

Il programma cambia già alla fermata dell’autobus del quale non si vede traccia; nella pensilina nessuna informazione di scioperi ma in compenso c’è il nuovo orario che andrà in vigore dopo qualche giorno al posto di quello attuale: impossibile verificare gli orari del bus.
Cambio fermata e linea sperando di avere più fortuna ma la situazione rimane la stessa fino all’arrivo di tre autobus identici in contemporanea. Tardissimo.

Dato che avrei avuto oltre 30 minuti di attesa in stazione non avevo acquistato il biglietto, lo avrei comperato in uno dei punti automatici verso i quali mi precipito a velocità folle. Code. Persone che toccano timidamente lo schermo.
Arriva il mio turno. La “macchinetta” mi riempe di domande inutili (se si chiamano Fast Ticket perchè non dedicarne qualcuna per i biglietti last minute con una procedura semplificata?).

Corsa veloce verso il binario ma il regionale è partito con una puntualità svizzera in barba alle varie Frecce, tutte in buona parte con quei 5 minuti di ritardo.
Coda in biglietteria per cambiare il biglietto. Trenitalia mi punisce con il pagamento di 2,50 euro (???) per questa vergognosa richiesta.

Oltre un’ora di attesa, avessi avuto il Mac con me avrei potuto leggere le email e lavorare un po’ (niente smartphone, non ho ancora deciso quale prendere).
Se ci fosse stata una postazione internet avrei potuto farlo, in fondo ho tutto on line; se c’è è nascosta bene e sono a Bologna.

Se invece di far girare spot su tutti quei monitor che non guarda nessuno le aziende sponsorizzassero dei touch screen collegati alla rete credo che rimarrebbero più amichevoli a molti (cari brand risparmiateli quei soldi: il fatto che in una stazione transitino molte persone non significa che spendano il loro tempo a guardare uno spot che inoltre si ripete in continuazione e quindi, dopo un certo tempo, una persona normale lo spot lo odia…).

Ho maledetto la mia giornata analogica e ho invidiato le generazioni che vivranno realmente, non come gadget, l’internet delle cose.
Se è salutare “scollegarsi” quando si è in vacanza o in relax, è invece senza senso vivere la quotidianità senza i benefici ed i vantaggi dell’essere on line.

Alla rete non solo il nobel per la pace ma anche l’obbligo per legge di renderla disponibile e fruibile in tutti i luoghi pubblici.

Per la cronaca la Freccia che ho poi dovuto prendere è arrivata con 20 minuti di ritardo nonostante costasse più del doppio del regionale.

Annunci


2 Responses to “Voglio una vita collegata”

  1. Le generazioni che vivranno e già vivano realmente l’internet delle cose non vivranno o vivono in italia. Prendi la rivoluzione internet, mettila in italia e cosa ottieni? compagnie che fanno cartello e di fatto rallentano la diffusione della rete, governi che ancora non hanno capito come mangiarci sopra e quindi non si impegnano, anzi, la osteggiano perché è un media che non riescono a controllare… povera patria

    • 2 metabox

      Difficile darti torto ma non riesco a vederla in modo così pessimistico 🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: