Relazioni pericolose

16Apr09

dsc_0120Facebook è cresciuto in Italia, tra febbraio 2008 e febbraio 2009, del + 2715%. Poi è vero che in Italia siamo un po’ leggeri su certi argomenti e non si può non considerare l’effetto “moda”. Rimane un dato di fatto: 10,8 milioni di italiani sono venuti in contatto con un oggetto che permette loro di stabilire delle connessioni con persone con cui condividono interessi oltre a dar loro la possibilità di diffondere la propria opinione.

Relegare questi due punti ad un fattore momentaneo e superficiale sarà l’errore più grande che tutti coloro, ancora legati all’idea dell’invincibilità di un messaggio, diffuso a tappeto dall’alto verso il basso, potranno fare.

Non solo sarà sempre più difficile manipolare la realtà ma sarà sempre più complicato uscire indenni dal proporsi con sistemi di convenienza e sarà sempre più difficile evitare che le barriere create per difendere dei vantaggi possano impedire la creazione di soluzioni alternative che si svincolano completamente dai meccanismi precostituiti.

Non sarà un proceso veloce in quanto l’intorpidimento, creato ad arte per far percepire una situazione senza alternative valide, è quasi diventato una delle caratteristiche dell’italianità.
Lentamente si risveglia una morale ed una intelligenza collettiva che si libera sempre più dal giudizio di parte per affrontare il quotidiano con l’oggettività dei fatti.

Annunci


No Responses Yet to “Relazioni pericolose”

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: